giovedì 27 marzo 2014

Dal reportage alla posa con il fotografo di nozze Claudio Rossoni

In qualità di spose, come ci divertiamo a ribadire in quasi tutti i nostri posts, siete voi ad avere l'ultima parola riguardo ogni dettaglio organizzativo del vostro matrimonio. Tra le scelte più importanti che vi appresterete a dover prendere di certo una delle più delicate sarà quella del fotografo al quale affidare la cura delle immagini delle vostre nozze.
Ecco perché, come sempre, anche oggi abbiamo deciso di intervistare un professionista del settore ed una volta compresone l'affidabilità e la professionalità ci siamo subito messi a lavoro per condividere in questo post le nostre impressioni sul fotografo del giorno, ovvero Claudio Rossoni di Novara.

Claudio è un fotografo con molta esperienza alle spalle, in tutti gli ambiti della fotografia artistica e professionale, ma in particolare nella "Wedding photography". Come molti suoi colleghi, anche Claudio ha scelto la fotografia per passione, ma ciò che lo ha attratto di più di questa stupenda, ma difficilissima professione è stata sicuramente la possibilità di fermare i momenti più importanti della vita di ognuno di noi, con il fine di rendere quelle emozioni e quelle sensazioni rivivibili anche a distanza di anni.

"Credo che l’uomo si trasformi ed evolva attraverso l’arte come espressione massima."
Con questa filosofia questo fotografo opera da oltre 25 anni nel settore dell'immagine a 360°, trasportando la sua conoscenza tecnica e la sua duttilità stilistica nel mondo del matrimonio, mettendosi a disposizione di spose, che come voi, esigono il massimo per il giorno del proprio "Sì".
Il segreto del successo di un fotografo è quello di continuare a sperimentare, senza mai credere di essere arrivati al culmine della propria esperienza professionale, bensì mettendosi ogni giorno alla prova per realizzare servizi mai uguali fra loro e sempre originali.

Claudio, ci spiega, che per realizzare un servizio fotografico di matrimonio che rispecchi davvero l'indole della singola coppia, è necessario essere in grado di comprendere chi si ha di fronte, per poi scegliere la soluzione migliore per loro:  dal più moderno ed informale reportage alla più classica, ma attualizzata posa.

Il tutto confluirà nella scelta dei materiali di stampa e di rilegatura del vostro album, per i quali lo studio fotografico di Claudio Rossoni vanta un'attenzione davvero importante, mirata ad offrire agli Sposi solo prodotti di eccellenza come la stampa a mano Fine Art e gli Album con copertine in materiali di pregio, durevoli nel tempo, cosa fondamentale per un "oggetto", che avrà il compito di proteggere e conservare i vostri ricordi più belli per anni ed anni.

Se, come sempre, avete gradito le nostre dritte non vi resta che confrontarvi direttamente con il fotografo di riferimento tramite il suo sito: www.diorphoto.it

martedì 25 marzo 2014

Roccafiore una location per matrimoni fra autenticità e romanticismo

Siamo negli anni della modernità e della frenesia, per cui a tutti capiterà di chiedersi “esiste ancora quella capacità di abbandonarsi al sentimentalismo, alla fantasticheria ed al sogno, tipica delle persone romantiche? Insomma...esistono ancora gli inguaribili romantici?”
Per fortuna, a gran voce, possiamo ammettere che ancora ci sono, ma soprattutto ci sono dei luoghi che per vocazione stimolano l'indole romantica di tutte le persone ed ancor più le coppie, che vivono la propria vita all'insegna del romanticismo.

Così Roccafiore, il country chicresort che nasce sulle colline tuderti incarna queste caratteristiche, in quanto luogo in cui godersi splendidi tramonti con lo skyline medioevale di Todi e una piscina a sfioro sui vigneti, proprio come una rivisitazione contemporanea di un quadro tipico del Romanticismo.

Ma non solo… la fantasia dei romantici può esaltarsi quando, oltre a godersi gli splendidi tramonti dalla terrazza del ristorante, potranno gustare piatti di un grande Chef con prodotti a “Km 0”, il tutto abbinato ai fantastici vini prodotti da Roccafiore, da uve bianche di Grechetto e uve rosse di Sangiovese e Sagrantino.

Ed ancora… si può celebrare il giorno più importante della propria vita, il matrimonio, con un mix tra originalità e stile bucolico, con una cerimonia a bordo piscina, un aperitivo trai vigneti e una cena sotto un pergolato illuminato dalle lampadine, proprio come un tempo.
Il romanticismo in fondo è anche questo…abbandonarsi alle bellezze che ci circondano e godersi ogni attimo, nel suo intimo e nella sua autenticità.


A Roccafiore si incontrano luci, profumi, colori e sorrisi..per un Matrimonio che si traduce in una vera e propria esperienza sensoriale a tutto tondo, che sarà capace di incantare i vostri occhi, il vostro palato e, soprattutto, i vostri cuori.

Non vi resta che seguire la pagina facebook di Roccafiore per essere sempre aggiornati sulle novità proposte da questa romantica realtà umbra e per reperire tutti i contatti diretti dell'azienda: www.facebook.com/pages/Roccafiore-Spa-Resort-Restaurant/

giovedì 20 marzo 2014

Il Vino - protagonista indiscusso del ricevimento del vostro matrimonio

Durante i preparativi di un matrimonio fondamentale è, sicuramente, la scelta del Menù del ricevimento nuziale, ma spesso si trascura un elemento importantissimo, che può fare la differenza proprio rispetto alle prelibatezze proposte dal ristorante interno alla vostra location o dal catering al quale vi affiderete: la scelta del vino.Scegliere i vini da abbinare ad un Menù è sempre un aspetto fondamentale per la realizzazione di un grande Menù e lo sarà ancor di più per il Menù più importante della vostra vita. Ecco perché abbiamo deciso di darvi qualche dritta in merito, da grandi appassionati di enologia ed ovviamente da Wedding planners.
La prima regola è quella di valutare al meglio le soluzioni offerte dalla vostra location o dal vostro catering, che, spesso (e giustamente), propongono una ristretta selezione di vini del territorio che possano accontentare un "pubblico" come quello di un matrimonio, molto "misto" e, sicuramente (eccezioni a parte) non composto da Sommeliers. Una volta valutate e richiesta una degustazione delle varie etichette disponibili e qualora non ve ne fossero di vostro gradimento, ricordatevi che siete in Italia! L'Italia è, infatti, il paese con la più ampia scelta di vini al mondo, con 330 DOC, 118 IGT e 73 DOCG. Il consiglio, quindi, è quello di ricercare cantine che propongano vini di vostro gradimento, scegliendole in base a due primari criteri di preselezione: la territorialità (se preferite vini della vostra zona da abbinare ad un menù tradizionale) o l'abbinamento specifico alle varie portate proposte dallo Chef (se parliamo di un Menù d'autore o con piatti non legati alla tradizione locale).
In linea di massima potrete seguire questi semplici suggerimenti per creare un abbinamento che dia un buon risultato e che sia apprezzabile da tutti (perché ricordiamoci che non tutti saranno esperti di enologia, ma tutti sapranno distinguere se il vostro Menù sarà buono o meno!):
Antipasti: vini bianchi a bassa gradazione alcolica o, in alcuni casi, rossi leggeri: i bianchi secchi,  si abbinano bene con gli antipasti di pesce, mentre con gli antipasti a base di formaggi, salumi o funghi si può optare o per un bianco morbido o un rosso leggero. I vini aromatici ( come il Gewurztraminer) si sposano particolarmente bene con il foie gras e mentre il Pinot spumantizzato e il Pinot Grigio (magari nella versione ramata) danno il meglio con il salmone affumicato.
Primi piatti: con risotti e pasta a base di pesce si serviranno vini bianchi secchi, giovani e leggeri, mentre con ripieni o sughi di carne (o funghi porcini) potrete propendere per vini rossi o rosati, con basso tenore alcolico e non troppo strutturati.
Secondi piatti: valutando le tipologie di carne o pesce e le singole ricette che verranno servite, sarà importante andare in crescendo, scegliendo vini più strutturati e con un tenore alcolico più sostenuto. 
Torta nuziale e buffet di dolci: potrete optare per ottimi spumanti dolci (moscato, brachetto d'Acqui o Vernaccia di Serrapetrona dolce) e nel caso di un buffet di dolci con pasticceria secca, magari a base di mandorle potrete stupire i vostri ospiti con ottimi passiti. Sono da escludere gli spumanti secchi e lo champagne, più indicati in abbinamento con antipasti e primi piatti, magari a base di pesce.
Il vino potrà essere l'alleato vincente o il nemico più infido del vostro banchetto nuziale, quindi ponete la massima attenzione nei confronti di questa scelta!
Curiosità: il vino sta diventando, sempre più spesso, protagonista di bomboniere enologiche di grande impatto, che racchiudono lo "spirito" della condivisione, della passione e di un territorio e che quindi ben si prestano a simboleggiare la vostra unione, magari creando confezioni o etichette personalizzate.
Consiglio: se siete veri amanti del vino, perché non utilizzarlo come tema e filo conduttore del vostro evento? Un matrimonio a tema vino sarà sicuramente apprezzato da tutti i vostri invitati, per l'eleganza e l'originalità del tema e per le idee che potrete sviluppare intorno al vino anche a livello di allestimenti.